Matteo 66,1

Guardiamo questi ciechi da Gèrico nel vangelo di Matteo : valgono più di molti che vedono chiaramente. Nessuno li guidava, e non potevano vedere Gesù mentre si stava avvicinando ; eppure, si sforzavano di giungere a lui. Si misero a gridare ad alta voce ; la gente cercava di farli tacere : ma essi gridavano ancora più forte. Lo stesso accade all’anima risoluta ; coloro che vogliono fermarla, al contrario raddoppiano il suo slancio.

Cristo permette che si cerchi di farli tacere, affinché il loro fervore sia più evidente e ti insegni quanto erano degni di essere guariti. Perciò egli non domanda loro, come faceva spesso, se avessero la fede : le loro grida e i loro sforzi per avvicinarsi a lui bastavano a mostrare la loro fede. Impara da loro, carissimo amico mio, poiché malgrado la nostra bassezza e la nostra miseria, se andremo a Dio di tutto cuore, potremo ottenere con i nostri sforzi ciò che chiederemo. In ogni caso, guarda questi due ciechi ; avevano soltanto un discepolo che li proteggeva, mentre tanti imponevano loro il silenzio ; eppure sono riusciti a superare gli impedimenti e giungere a Gesù. L’evangelista non segnala in loro nessuna qualità eccezionale della loro vita : il loro fervore ha dato una svolta a tutto.

Imitiamoli, anche noi. Anche se Dio non ci concede subito ciò che chiediamo, anche se la gente cerca di dissuaderci a pregare, non cessiamo di implorarlo. Perché così, attireremo maggiormente i favori di Dio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...