Il giorno delle piccole cose

“Chi ha disprezzato il giorno delle piccole cose?” (Zaccaria 4:10)

Zaccaria comincia il suo libro con una  chiamata al pentimento ma la maggior parte del suo libro è dato per una rassicurazione di Grazia da mostrare alla chiesa a cui stava predicando. Prima abbiamo guardato le 8 visioni che furono date a Zaccaria e alla chiesa in quei giorni che riguardano il proponimento di Dio di risvegliare la Sua Chiesa, di rinnovare una chiesa che stentava a crescere, rinvigorire una chiesa che era ad un punto molto basso.

La quinta visione è coontenuta nel capitolo 4 e giunge davvero al cuore dell’argomento del “Risveglio”. In Zaccaria 4:1-5 abbiamo la stessa visione descritta, nei versi 4:6-10 abbiamo il messaggio della visione, sebbene in termini non molto chiari, sono sicuro che potete capirlo e capire anche il resto, e nei versi 4:11-14 abbiamo l’angelo che identifica uno dei simboli specifici della visione.

E’ interessante che nel verso 1 Zaccaria si era svegliato, nel suo sonno era come se si fosse svegliato per questa visione e per l’angelo che gliela mostrava , e noi dobbiamo essere eccitati nel comprendere la verità contenuta in questa parte della Scrittura. E cioè che spesso i nostri cuori diventano stanchi per l’impazienza nell’attenderci che il lavoro di Dio venga con grande potenza, che avvengano cose grandi e invece succede molto poco, e quasi andiamo a dormire, ma come lo Spirito scuote Zaccaria cosi’ scuoterà voi nel farvi riconoscere questa verità che sta per esservi predicata. Lo Spirito di Dio vi scuoterà per farvi capire che ci sono delle grandi cose che avvengono nella Chiesa, anche nel giorno piu’ piccolo della sua gloria.

Notate innanzitutto, nei versi 1-5 abbiamo un candeliere d’oro descritto e ovviamente questo rappresenta la Chiesa di Dio o la Teocrazia del Vecchio Testamento, che era la Chiesa nel VT, ricorderete in Apocalisse che Gesù stava nelle vicinanze di un candeliere,  che erano le chiese del NT,  e quando leggete questa Scrittura del candeliere vedrete che la Chiesa è descritta come bella, sebbene la sua bellezza non venga riconosciuta dal mondo, quello che conta è che essa è bella agli occhi di Dio. L’oro del candeliere rappresenta la sua purezza e la sua preziosità agli occhi del Signore,  e inoltre è un candeliere, cioè dà luce, è questa la missione della Chiesa, quela di dare luce ad un mondo tetro di oscurità, un mondo perso nel peccato e accecato riguardo alla Gloria di Dio, è la Chiesa di Gesù Cristo, che ha il compito di dare luce al mondo. Ci sono sette lampade che probabilmente sono le diramazioni della Chiesa di Cristo o i diversi modi in cui la Chiesa porta la luce nel mondo,  ed è interessante che dall’alto vi è un continuo rifornimento di olio alle lampade di questo candeliere,  ai lati del candeliere vi sono due olivi e l’olio rappresenta l’azione dello Spirito Santo che illumina e fa in modo che la Grazia continui a scorrere in ciascuna delle luci del candeliere. lo Spirito rifornisce senza interruzione di Grazia e Potenza di Dio. I due alberi del verso 14 rappresentano due unti, forse i due piu’ prominenti uomini della Chiesa di Cristo a quei tempi, sebbene su cio’ vi sia un dibattito, ma sono probabilmente Zorobabele, il principe della tribù di Giuda  e Joshua il sacerdote della tribù di Levi, il sommo sacerdote, entrambi sono ovviamente i due uffici di Gesù Cristo, il Re della Tribù di Giuda, infatti  regnando alla destra di Dio Egli ha autorità di inviare il Suo Spirito alla Chiesa, e come Sommo Sacerdote di Dio Altissimo il Nostro Signore Gesù Cristo ha acquistato lo Spirito per la Sua Chiesa,  per la Sua Sufficienza Egli ottiene che il Padre mandi il Suo Spirito.

Questa è quindi la visione nella sua interpretazione come viene spiegata in questo capitolo.
Ma andiamo all’interpretazione della visione che si trova ai versi 6-10. Prima di tutto al verso 7 si dice che i nemici dell’opera di Dio saranno sconfitti, una dichiarazione di vittoria,  una dichiarazione che un antagonista farebbe nel provocare il nemico: “chi sei tu grande montagna?” La grande montagna che era frapposta tra il lavoro di Zorobabele e la costruzione del Tempio, che si riferiva senza dubbio ai samaritani che prendevano in giro la Chiesa, ai nemici che scrissero al re di Babilonia per fargli disfare il lavoro della Chiesa nel suo tentativo di adorare nel Tempio; “Chi sei tu, grande montagna, che ti frapponi alle vie del Signore? Davanti a Zorobabele, diventerai una pianura.

L’opposizione è paragonata ad una montagna, una grande barriera,  e questa sarebbe stata rasa al suolo e sarebbe diventata pianura,  questo non suggerisce che Zorobabele non avrebbe avuto  alcun problema nell’avere la meglio sul nemico, ma ci dice pero’ con certezza quale sarà alla fine l’esito.  Non importa quanto grande il nemico risultasse agli occhi di Zorobabele e del popolo, e non ci sono dubbi che sembrasse molto grande,  essi erano poveri e disprezzati giudei senza alcuna preparazione militare, che lavoravano in una città priva di mura, per costruire il Tempio che tutti i loro nemici odiavano, e quindi era un grande test da dover superare nei loro pensieri. Ma Dio ci dice che l’esito sarà che la grande montagna sarebbe stata livellata e trasformata in una pianura, ed essi vissero per vederlo accadere. Zorobabel visse e vide il Tempio che era stato costruito e completato,  visse per vedere il giorno in cui gli ebrei si rallegrarono per aver prevalso sui loro nemici. Ma ancora non parla solo della sconfitta del nemico, ma del completamento di quel lavoro che essi erano preparati a compiere.

Nella seconda parte del verso 7 Zorobabele è detto depositare la testata d’angolo o la pietra superiore, che è descritta con “Grazia, Grazia su di essa” In altre parole Zorobabele avrebbe messo il tocco finale al tempio, con il popolo che acclamava “Grazia, Grazia su di essa”. E’ stata la Grazia di Dio per cui  abbiamo completato il lavoro. E ovviamente al verso seguente leggiamo Zorobabele ha messo le fondamenta di questa Casa e le sue mani la finiranno. Tu conoscerai che il Signore degli Eserciti mi ha mandato.
Ed il motivo di cio’ è che gli occhi del Signore guardano con favore alla costruzione del Tempio da parte di Zorobabele. Quando Dio guarda ad un ministero con favore, esso sarà certamente portato a compimento. In Samuele 3:12 leggiamo: “In quel giorno io compirò contro Eli tutto cio’ di cui ho parlato riguardo la sua casa: quando comincio, lo porto anche a termine”. E’ questa è la verità che Dio dice di ogni cosa che Egli inizia. “Quando incomincio un lavoro, lo porterò a termine”.

Quando Dio comincio’ a portare gli ebrei fuori dall’Egitto, concluse quello che aveva annunciato conducendoli nella terra di canaan. Quando Dio iniziò un lavoro di Grazia in Abraamo, lo portò anche a termine quando Cristo morì sulla croce e fu resuscitato. Dio quando comincia un’opera la porta a termine. Non c’è alcun dubbio. E cari cristiani vi sono delle spaventose montagne davanti a noi oggi, davanti al Vangelo che noi annunciamo. Abbiamo ad esempio un bel po’ di ignoranza che dobbiamo affrontare oggi. La gente non comprende affatto di dottrina. Ma abbiamo la chiara promessa della Scrittura in Abacuc 2:14 : La terra sarà riempita della conoscenza della Gloria del Signore, come l’acqua ricopre la distesa del mare. Dio intende far conoscere la Sua Gloria su tutta la terra.

Noi sentiamo una grande impotenza in noi stessi, sentiamo che non riusciamo a fare cio’ che dovremmo fare, diventiamo impaludati, il lavoro della Chiesa sembra cosi’ affannato, cosi’ lento, e il ritmo delle nascite cresce molto più della Chiesa di Cristo e diventiamo più insignificanti anno dopo anno, eppure Gesù Cristo ha promesso in Matteo  28: “Ogni potestà mi è stata data in cielo e sulla terra…Or ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine dell’età presente. Amen”. Gesù Cristo completerà il lavoro che ha cominciato. Realizzerà il lavoro in questo mondo che ha iniziato, nel portare Gloria al PAdre, sottomettere i Suoi nemici e salvare gli eletti, portandoli nella Sua Chiesa.

L’iniquità che si ritrova nella chiesa è come una montagna che non sappiamo come superare, il sistema del mondo sembra alitarvi sul collo, socialismo, comunismo ateo, (e negli ultimi tempi relativismo, paganesimo  n.d.r.) e in tutto il mondo il liberalismo nella chiesa protestante, ma Dio assicura che la montagna sarà spianata, e che la verità di Cristo deve prevalere sulla terra. Se leggete i profeti dovete credere alla Verità. o Agnello di Dio, il Tuo Prezioso Sangue non perderà mai il Suo Potere, non perderà mai il Suo Potere e il resto della Chiesa di Dio sarà salvato per non peccare più. La Pietra Portante nel Tempio di Dio sarà disposta, Gesù Cristo costruirà il Tempio, abbiamo l’immagine nel Nuovo Testamento, la Chiesa di Gesù Cristo è chiamata il Tempio del Dio Vivente, ed ogni credente è paragonato ad una pietra nel Tempio, e Gesù Cristo ha cominciato, Egli è la Pietra Principale e la Testata d’angolo, i Suoi apostoli sono le fondamenta del Tempio, e voi ed io siamo mattoni nel lavoro del Tempio, la Pietra Finale non è ancora stata posta, ma essa verrà collocata e l’ultima persona per cui Cristo è morto verrà portata nella Chiesa, e il Tempio sarà reso interamente Glorioso e Completo, quello che Cristo ha cominciato , avverrà e sarà compiuto. Questa è l’essenza della profezia che abbiamo qui. La Gloria della Chiesa sarà completata e sarà manifestata sulla terra.

Poi notate nel verso 6 in che modo tutto ciò sarà fatto, non per potenza: “questa è la PArola del Signore per Zorobabele, non per potenza. Questa parola nelle note è spiegata come “potenza militare”. Quindi non per mezzo di eserciti, non per mezzo di una crociata militare, come nei giorni di Oliver Cromwell, ricordate, uomo di buoni e giusti principi, che cercò di impadronirsi del governo d’Inghilterra, Oliver Cromwell voleva avere una giusta chiesa e una giusta dottrina nella terra d’Inghilterra, dovete avere simpatia per lui, perchè credeva nella stessa dottrina in cui noi crediamo, ma il suo tentativo giunge ad una triste conclusione, egli non ottenne nulla, usando la spada e la forza armata, eppure in quel periodo storico grandi cose furono fatte per il Signore, fu un periodo di grandissimo risveglio alla Verità di Dio, un periodo in cui i puritani scrissero voluminosamente sulle Scritture, un periodo forse del più grande studio biblico che il mondo abbia mai conosciuto, riguardo alla semplice esposizione della Scrittura, ma non fu ottenuto con la spada da  Oliver Cromwell, non per forza militare, non per forza militare politica di cristiani che protestano cercando di mescolare la politica con la religione, non per mezzo dell’esercito di evangelismo dai grandi schemi per portare le masse nella chiesa, non per la potenza dell’intelligenza umana, non per mezzo di schemi umani, non per la forza di attività umana, se tutti vanno a pieno vapore questo non realizza la costruzione del Tempio, ma per mezzo della Potenza Divina elargita nello Spirito Santo, dall’olio che fluisce in ogni lampada, dall’olio che fa diventare la lampada più luminosa, e più santa, e più vigorosa nelle opere. Non per mezzo di tentativi e iniziative umane,: gli ebrei costruirono sì il Tempio, ma solo perchè vennero resi solerti e sospinti dallo Spirito di Dio. Solo con la venuta del Signore degli Eserciti, la Chiesa sarà completata nella sua missione. Solo con la venuta dello Spirito le lampade della Chiesa bruceranno ravvivate in un Risveglio.

Solamente lo Spirito puo’ portare al Risveglio, mentre gli uomini credono che attraverso schemi di iniziativa e linee guida verrù il Risveglio, ma no, non è per potenza, non per mezzo di potere umano; ma il Risveglio venne in quei giorni per mezzo dello Spirito, ed il suo successo è assicurato perchè lo Spirito è al centro di esso.Non perchè fossero un gruppo di persone di alcuna importanza, erano un gruppo modesto che cominciò a costruire il Tempio. E non avevano alcuna forza per combattere il nemico, ma il loro successo fu assicurato, perchè lo Spirito era in esso, ed essi erano mossi dallo Spirito Santo di Dio.

Dio invia sovranamente il Suo Spirito come desidera per sollevare la chiesa dall’oscuratà e darle vigore, dall’impotenza all’eccellenza, perciò dobbiamo pregare per lo Spirito in questi giorni, Gesù Cristo ci ha insegnato frequentemente di pregare per lo Spirito Santo, e che ci verrà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto, e di cosa Cristo stava parlando? Stava parlando del desiderio del PAdre di concedere lo Spirito a coloro che GlieLo chiedono, o quanto disperatamente la chiesa deve chiedere lo Spirito, cristiani ne siete a conoscenza quando testimoniate alle persone? Aprite chiaramente la PArola di Dio alla gente, eppure non succede nulla, oh dovete pregare per lo Spirito, non è per mezzo di sforzi umani, ma per mezzo dell’azione dello Spirito che gli uomini si convertono. Predichiamo cosi’ tanti sermoni, eppure vi è così poco del potere di Dio! O dobbiamo pregare per lo Spirito Santo, il bisogno disperato dei nostri giorni è che Dio faccia risvegliare la Sua Chiesa, per mezzo di un maggiore rifornimento dello Spirito della Grazia, per piu’ olio che debba scorrere in questo candeliere locale e per altri candelieri in vari luoghi affinchè ravvivano la loro fiamma.

Noterete anche in questa spiegazione della visione, specialmente al v. 10, che in tutti i lavori iniziati da Dio e condotti per mezzo dello Spirito Santo, vi è un giorno delle cose piccole, cioè di avvenimenti insignificanti. “Chi ha disprezzato il giorno delle piccole cose?Ma quei sette si rallegrano a vedere il filo a piombo nelle mani di Zorobabel. Questi sette sono gli occhi a dell’Eterno che percorrono tutta la terra”.

“Chi ha disprezzato il giorno delle piccole cose?”, ah vedrete il giorno in cui quella pietra finale sarà deposta, molti disprezzano questi giorni in cui viviamo, ma non dovreste, una stagione in cui il lavoro dello Spirito fa piccola apparizione, non è insignificante agli occhi di Dio. Ed è interessante che ogni volta che Dio ha cominciato un Risveglio, lo ha fatto all’inizio in piccolo,  con delle piccole cose, le cose che in sè stesse non sembravano essere significanti,. Per esempio Zorobabele che ritorna a Gerusalemme, egli è insieme ad un gruppo di ebrei che erano stati in esilio forzato a Babilonia, senza grande talento, nessuna grande forza, neanche un gran numero di essi, e quando ritornano a Gerusalemme ognuno se ne va a farsi i fatti propri, a costruirsi le proprie case e non mostrano alcun interesse per la Chiesa di Dio. Direte, nulla sta succedendo..no qualcosa sta succedendo, lo Spirito di Dio ha cominciato il Suo lavoro, quindi Aggeo predica, e cominciano a mettere le fondamenta del Tempio, e quando gli ebrei lo videro essi erano addolorati per l’insignificanza dell’edificio, perchè ai tempi di Salomone i più grandi artigiani della terra erano a lavoro nella costruzione del suo tempio, qui erano degli ebrei senza talento che mettevano le fondamenta del nuovo tempio, e non sembrava avesse nulla della magnificenza del vecchio tempio. Un opera insignificante ed erano riempiti di disperazione. Ma il Risveglio forse comincia quando la gente è ancora disperata, pensando quando Dio verrà per aiutarci, ah Dio è a lavoro proprio in quel momento.

Pensate con me alle cose che Dio ha cominciato in un modo piccolo, pensate alla Creazione, ricordatevi che c’era un tempo in cui la terra era vuota e senza forma e tutto era nero e oscurità, una ben piccola cosa all’inizio, ma che grande capolavoro è la fine. Il lavoro di provvidenza che avviene attorno a voi, comincia in piccolo e poi è grande. Pensate a quante volte avete visto una piccola ghianda, una ghianda è ben piccola cosa, ma un albero di quercia è una cosa grande. Un fiume, potente, grande che scorre con forza, è cominciato con un piccolo rivoletto, una piccola sorgente che viene fuori dal suolo. Un guerriero che marcia attraverso regni e sgomina grandi eserciti, una volta era un infante nella culla, un oratore che sta in piedi davanti alla folla che lo ode, era una volta un balbuzionte che non poteva neanche essere compreso quando era un piccolo bimbo. Dio nella Sua Provvidenza ha sempre il giorno delle piccole cose, per tutto ciò che diventerà grande. Delel nazioni che sono oggi grandi in civiltà, erano una volta dei selvaggi, a cui Dio nella Sua Provvidenza portò la grandezza. E nel lavoro della Grazia, questa stessa cosa è vera.
Era davvero un piccolo giorno quello in cui Abraamo e Isacco erano l’intera Chiesa di Dio nel Vecchio testamento. Abraamo ebbe un solo figlio della promessa,  un piccolissimo seme davvero, ma Dio promise che sarebbe stato in numero come le stelle del cielo, e così avverrà. Nel Nuovo Testamento anche, ci fu un giorno in cui la Chiesa di cristo poteva riunirsi tutta in un unica stanza attorno ad un tavolo, piccolo inizio, la Chiesa di Cristo non potrebbe farlo oggi, e anche la chiesa battista sebbene non possa chiamarsi così magnificente, ci fu un giorno in cui erano 25 persone che si incontravano in una casa-van in centro. “Chi è che disprezza il giorno delle piccole cose?”, chi è che irride la chiesa in gerusalemme che ha appena messo le fondamenta che non sembrano essere niente di che, vivrai per vedere la pietra finale deposta!

Chi è che disprezza il lavoro di Dio oggi? Chi disprezzava i dodici discepoli nel nuovo testamento quando borbottavano l’uno con l’altro, quando non comprendevano gli insegnamenti di Cristo, quando erano un gruppo insignificante sebbene sarebbero divenuti una grande potenza nel mondo. Lo Spirito era in tutte queste cose che sono state menzioante. L’olio dello spirito veniva irrorato nel giorno delle piccole cose, così come nel giorno delle grandi cose. E c’è sempre stato un giorno delle piccole cose, prima di quello delle cose grandi. Molti disprezzano il giorno delle piccole cose oggi, inemici di Dio disprezzano la chiesa oggi, cosi’ come allora disprezzavano quegli ebrei, ricordate alcuni dei commenti che vennero detti nei giorni di Neemia quando cominciarono a costruire le mura? «Costruiscano pure! Ma se una volpe vi sale sopra, farà crollare il loro muro di pietra!».

Quanti nemici oggi irridono la chiesa di Gesù Cristo, quando rimane ferma sulla PArola di Dio, sono molti, ma la Scrittura assicura che quelli che irridono la chiesa di Cristo oggi, vivranno per vedere la pietra finale deposta. E voi con gli stessi vostri occhi vedrete il potente e vittorioso Gesù Cristo venire in tutta la Sua Potenza e Gloria sulla terra, e allora saprete che cosa potente fu avere lo Spirito al lavoro in poche persone, nel mondo. Gli amici di Dio, molto spesso, disprezzano i giorni dell’infanzia, non è solo una prerogativa dei nemici di Cristo, ma anche gli amici di Cristo spesso sottovalutano il valore degli inizi, e quanto voi sottovalutate il lavoro della Chiesa di Cristo in questi giorni? Non avete forse disprezzato il giorno delle piccole cose? Battendovi il petto e dicendo o Dio non ha fatto nulla in questo posto. Dio non ha fatto nulla attraverso il mio servizio, quasi a dire Dio non agisce nelle vostre opere, e quando non siete a sufficienza grati per le piccole cose, voi ostacolate l’avvenire delle grandi cose, oh voi vorreste vedere gli intellettuali e i ricchi e i potenti della comunità correre a frotte da Cristo, e vorreste vedere grandi numeri di conversoni, a volte, forse è cosi’ oggi per alcuni di voi, disprezzate il lavoro di Dio nel vostro stesso cuore, ricordate che dovete davvero diventare dei bambini prima di essere degli adulti, un tempo doveste essere studenti a scuola, a cui doveva essere sempre detto cosa fare, prima che diventaste i maestri delle vostre occupazioni, nel mondo siete passai per il giorno delle piccole cose, ed anche nella Chiesa di Cristo c’è un giorno delle piccole cose per il cristiano, e c’è un avvertimento di non mettere le mani sul novizio, non è ancora pronto, lo sarà in un anno o due, non forzate all’improvviso nessun uomo, ricordate che deve esserci un’infanzia, ci deve esere un’adolescenza nella chiesa di Cristo, prima del giorno delle grandi cose, non aspettatevi di diventare degli uomini tutt’insieme nelle cose del cristiano, e non disperare che non sei ancora così santo come vuoi essere, e ci aspettiamo troppo e pensiamo che Dio non sta facendo nulla.

Ci sono molte ragioni per non disprezzare le piccole cose, questo diprezzo impedisce il verificarsi delle cose grandi,. Se tutti gli ebrei avessero disprezzato questo momento del mettere le fondamenta del tempio, chi sarebbe rimasto a costruirlo? Se tutti avessero detto “oh questo non è proprio nulla” nessuno sarebbe andato a lavorare con qualche energia, e la pietra finale non sarebbe stata messa, se tutti disprezzassero le piccole cose nelle missioni, chi supporterà mai i missionari? Chi si attiverebbe a mandarli nelle zone piu’ lontane del mondo? Ovviamente voi mormorate e vi lamentate, mentre dovreste pregare Dio per quelle piccole cose che avete. Questo impedisce che vi venga elargito di più. Ricordate come gli ebrei mormorarono nel deserto, disprezzarono il loro salvataggio attraverso il mar rosso, essi non lodarono Dio per questo, ma si lamentarono : “oh perchè non ci ha dato del cibo, oh non abbiamo abbastanza da bere,  quando Dio aveva operato un grande miracolo nel salvarli. Siete ancora in schiavitù di satana? E allora perchè siete scoraggiati? Oh è per lo scoraggiamento di essere nel deserto così a lungo. Se avessero lodato Dio per la Sua Bontà, quante altre benedizioni sarebbero venute.

Quelli che sono in cielo, danno valora al giorno delle cose piccole, perchè quelli che sono in cielo, gli angeli che glorificano Gesù Cristo non hanno i loro occhi annebbiati di carnalità, e leggete nella Bibbia che c’è grande gioia in Cielo per che cosa? Le grandi masse che vengono a Cristo? Perchè c’è tanta gioia per un solo peccatore che si pente, sebbene egli sia ancora un peccatore ignorante e senza dottrina, sebbene egli cada ancora in peccato, sebbene egli non sia un uomo dalla grande forza, un solo peccatore si pente, e tutto il Cielo esulta di gioia, davanti al Trono di Dio. Il nostro Signore Gesù Cristo ci ha insegnato nel nuovo testamento che le piccole cose non devono essere disprezzate,  Egli stesso disse, ricordate, non dimenticherò un semplice bicchiere d’acqua fresca dato nel mio nome, che cosa posso fare per il Signore oggi, che possibilità ho di fare qualunque cosa per Lui? Allora non disprezzerò quel bicchiere d’acqua fresca da dare ad un uomo assetato, facendolo nel nome del Signore, per amore di Lui,  disprezzeerete ancora il giorno delle piccole cose?

Avete riempito il vostro modo di pensare con il pensiero del mondo di grandezza, che cosa fate a casa? Lavate piatti, lavate i vestiti, pulite i pavimenti, non vedete molta gente, e disprezzate il giorno delle piccole cose. Il Signore sta dandovi un grande spirito di  servizio nei confronti dei piccoli bambini a casa, affinchè questi possano crescere nella lode del Suo Nome, perchè vengano istruiti nel nome di Gesù Cristo, voi la chiamate una cosa piccola, Dio la chiama una cosa grande. Il Padre Stesso ha un grande rispetto per il giorno delle piccole cose,  ricordate di come andò incontro al figlio prodigo da molto lontano, di come ebbe rispetto per questo quando ritornò a casa dopo essere stato a vivere insieme ai porci. Il PAdre ebbe rispetto per le piccole cose.
Le piccole cose sono di un valore indescrivibile, ed è l’inizio del giorno delle grandi cose, le piccole cose di Dio diventeranno grandi con certezza, Dio non lascia mai il Suo lavoro incompleto, come abbiamo già quotato:  “Quando incomincio un lavoro, lo porterò a termine”. E inoltre, “Colui che ha cominciato un buon lavoro in voi, lo completerà fino al giorno di Cristo”, il Vangelo prevarrà sulla terra, e la roccia tagliata dalla montagna riempirà l’inera terra, rotolando a valle, leggendo le Scritture “i pochi diventeranno un migliaio e i piccoli diverranno una nazione forte”.

Il Signore perfezionerà ciò che ha cominciato in voi,  potrete essere adesso solo delle carte fumanti, ma brucerete vivamente quando lo Spirito che rifornisce l’olio è aumentato, quindi noi cristiani saremo un giorno perfetti, pensateci, il cristiano più debole di questo mondo sarà un giorno perfetto e senza peccato, leggiamo la descrizione del cristiano: “Il sentiero del giusto. è come la luce dell’alba. che splende sempre più luminosa. fino giorno pieno.” (cf. Proverbi 4,18)
“Chi ha disprezzato il giorno delle piccole cose?”, Dio non ha terminato con la Sua Chiesa, Dio non permette anche adesso che le porte degli inferi prevalgano su essa, il Nome di Gesù Cristo risuonerà su tutta la terra, la Sua Chiesa sarà tutta nella Gloria e nella Potenza e vittoriosa, ma la domanda deve essere posta, avete mai visto il giorno delle piccole cose nelle vostre anime? Ne trovate qualcuno? C’è qualche luce che è davvero molto piccola nella vostra anima o siete ancora in schiavitù di Babilonia. Davero fu una piccola cosa per gli ebrei essere solo ritornati a Gerusalemme, ma almeno erano fuori da Babilonia! Siete ancora schiavi del peccato che inseguono ogni desiderio della carne e tentazione di satana? O c’è un piccolo brillare di luce nella vostra anima, una luce della Grazia di Dio? Desiderate almeno il sincero latte della PArola, affinchè cresciate per mezzo di esso? Una qualche luce che vi mostra che siete cristiani? C’è una piccola sorgente di amore per Dio, che vi causa di addolorarvi per i vostri peccati? Un desiderio di essere come Lui nella giustizia? Avete un pò di amore per i fratelli? Che vi addolora quando li avete trattati male o parlato male di loro? Dovreste pregare per loro, con costanza. O cristiani se voi poteste vedere la Città nella quale  voi andrete allora come lodereste il Signore! Se poteste vedere il Tempio finito della Chiesa di Gesù Cristo, più popolosa della sabbia del mare, allora gridereste, come Zorobabele gridò: “Grazia, Grazia su di essa”.

Devo comunque dire che c’è il pericolo di essere troppo soddisfatti nel giorno delle piccole cose, non vi crogiolate nel pensiero che il lavoro che Dio compierà verrà realizzato senza nessuna partecipazione da parte vostra, non riposate nel sogno di essere diventati grandi. Il giorno delle piccole cose, sebbene non debba essere disprezzato è il giorno degli inizi, il momento in cui la chiesa deve crescere, lavorare e pregare per ricevere lo Spirito Santo, in attesa e nel ringraziamento che debba essere fatto qualcosa, è un giorno di grande desiderio,  e davvero viviamo nel giorno delle piccole cose, è il giorno delle piccole cose, piccola rettitudine, piccola conoscenza della Verità, piccolo incremento di peccatori che si convertono per la PArola, una piccola evidenza della Gloria di Dio nella Sua Chiesa, è il giorno delle piccole cose, ma grazie a Dio è il giorno delle piccole cose, e preghiamo con fiducia e con fervore, con la speranza delle promesse del profeta: “Non per potenza ma per lo Spirito”, Dio concedici una maggiore benedizione del Tuo Spirito oggi, e non disprezzate il giorno delle piccole cose, perchè vi rallegrerete, quando vedrete quella pietra finale, nelle mani di Cristo, così come fu nelle mani di Zorobabele.

 

da un sermone di Walter Chantry Visita Sito Web

trascrizione e traduzione a cura di  www.verovangelo.org

da Francesco Savastano

http://vocechegrida.ning.com/profiles/blogs/il-giorno-delle-piccole-cose?xg_source=activity

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...