Quando Dio “chiama” l’uomo risponde


“Ogni podestà mi è stata data in cielo e sulla terra. Andate dunque, e fate discepoli di tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito santo, insegnando loro di osservare tutte le cose che io vi ho comandato. Or ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine dell’età presente. Amen” (Mt. 28:18-20)

  

1. Un’impresa disperata

Comunicare il messaggio dell’Evangelo significa essenzialmente far conoscere una persona, Gesù Cristo, e gli straordinari benefici che essa, e soltanto essa, può dispensare alla vita umana.

Comunicare il messaggio dell’Evangelo significa far prendere coscienza della miseria della vita umana, la quale solo in Gesù Cristo può trovare il suo autentico significato, un senso ed una prospettiva eterna.

I messaggeri dell’Evangelo, nella Bibbia, incentrano i loro discorsi ne «la storia di Gesù di Nazareth» e spiegano, come fa questo discorso dell’apostolo Pietro «come Iddio l’ha consacrato di Spirito Santo e di potenza; e come egli è andato attorno facendo del bene, e guarendo tutti coloro che erano sotto il dominio del diavolo, perché Iddio era con lui. E noi siamo testimoni di tutte le cose che egli ha fatte nel paese dei Giudei e in Gerusalemme; ed essi l’hanno ucciso, appendendolo ad un legno. Esso Iddio ha risuscitato il terzo giorno, e ha fatto si che egli si manifestasse non a tutto il popolo, ma ai testimoni che erano prima stati scelti da Dio; cioè a noi, che abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti. Ed egli ci ha comandato di predicare al popolo e di testimoniare che egli è quello che da Dio è stato costituito Giudice dei vivi e dei morti. Di lui attestano tutti i profeti che chiunque crede in lui riceve la remissione dei peccati mediante il suo nome» (At. 10:34-43).
Il problema però è che viviamo in una società fatta di persone così refrattarie, insensibili, “dure”, direi “intorpidite”, che veramente diventa un’impresa disperata cercare di persuaderle e di fare loro aprire gli occhi sull’urgente loro bisogno di accettare Gesù Cristo come personale Signore e Salvatore e lasciare che sia Lui a modellare il loro modo di pensare, parlare ed agire.

Comunicare con efficacia il messaggio dell’Evangelo è di fatto estremamente difficile, e le ragioni non vanno cercate tanto in un difetto di abilità o di buona testimonianza da parte dei veri cristiani oppure dalla forza che i condizionamenti sociali o i pregiudizi esercitano sull’uditorio, cose che certamente influiscono, ma da una sorta di incapacità funzionale dell’essere umano così com’è, di intendere le cose di Dio. Che senso avrebbe allora, mi chiederete, l’attività evangelistica e sociale, quale risultato mai potrebbe avere, e come spiegare il fatto che alcuni di fatto arrivino al ravvedimento ed alla fede in Gesù Cristo e a cambiare modo di vivere e di pensare?

Sembra assurdo, ma, in realtà non c’è persona al mondo che mai accetterebbe l’Evangelo di sua propria forza, volontà ed iniziativa se non ci fosse, e qui sta il nostro punto, quella salutare “scossa” che può venire  solo da Dio e che risveglia il nostro “organo di percezione spirituale”.

Come un’elettroshock cardiaco può riattivare una persona che ha avuto un infarto, così è necessario, da parte dello Spirito di Dio, quell’intervento decisivo dopo il quale la persona esclama: «Ma come ho potuto non vederlo prima, non rendermene conto prima della verità di ciò che Gesù Cristo ha detto ed ha fatto e della sua impellente necessità per la mia vita?».

Dice infatti la Bibbia: “Ora l’uomo naturale non riceve le cose dello Spirito di Dio, perché gli sono pazzia, e non le può conoscere, perché le si giudicano spiritualmente” (1 Co. 2:14).

Se Dio lasciasse la risposta favorevole della persona a Cristo alla sola iniziativa umana, nessuno mai accetterebbe l’Evangelo e nessuno potrebbe di fatto essere salvato. Dio però, nella sua misericordia è attivo ed operante e, come e quando Egli lo desidera, alle condizioni che Egli stabilisce, chiama in modo efficace uomini e donne alla fede risvegliando la loro capacità di udire e di scegliere.

Ecco perché l’apostolo Paolo, rivolgendosi ai cristiani di Efeso dice: “E voi pure ha vivificati, voi che eravate morti nei vostri falli e nei vostri peccati” (Ef. 2:1), “si, voi eravate come morti, ma Dio vi ha vivificato. Ecco perché la Scrittura descrive l’opera dello Spirito Santo come qualcuno che “vivifica” (Ef. 2:5), che “crea in Cristo Gesù” (2:10), che fa “nascere di nuovo” (Gv. 3:4,7), che ci “risuscita con Lui” (Ef. 2:6).

2. Incontri “combinati”

Tutte le persone che nella Bibbia giungono alla fede non sono “persone qualsiasi” che hanno raccolto il messaggio dell’Evangelo “sparato” dagli evangelisti “dove capita”. Le persone che la Bibbia presenta come credenti, come convertiti, sono state sempre l’obiettivo di una precisa chiamata di Dio, e gli esempi potrebbero essere moltissimi. Molto spesso il messaggero non ne è cosciente, ma con quel messaggio, in quella particolare circostanza,Dio intendeva chiamare alla fede ed alla salvezza una persona o un gruppo di persone in particolare, e quelle persone, e solo quelle, rispondono prontamente, perché Dio ha concesso loro di essere in grado di farlo.

Molte cose non avvengono per caso. A volte ci capita di incontrare qualcuno e solo più tardi ci rendiamo conto che quell’incontro, in realtà, non era avvenuto per caso: dietro quell’incontro c’era la provvidenza di Dio che, proprio attraverso di esso, ci offriva opportunità nuove.

a. Cornelio. 
Ricordate quella citazione da un discorso di Pietro fatta all’inizio? Pietro l’aveva pronunziata non come se fosse stato un messaggio generico che chiunque avrebbe potuto raccogliere, ma come risultato di un incontro che era stato, per grazia di Dio, miracolosamente “combinato”.

Dio aveva davvero combinato un incontro provvidenziale, Iddio aveva fatto incontrare un uomo di nome Cornelio, un ufficiale dell’esercito romano di stanza in Palestina, con Pietro, che serve l’Evangelo di Gesù Cristo portando questa parola di salvezza agli uomini ed alle donne della sua regione.

Dio aveva scelto Cornelio affinché anch’egli trovasse salvezza in Gesù Cristo e “lo manda a chiamare” attraverso l’intervento di Pietro.

Pietro è stupefatto che Dio lo mandi proprio da un uomo come Cornelio, militare di un esercito straniero di occupazione, un uomo che egli considerava estraneo, nemmeno uno con cui valesse la pena di parlarci insieme, un “impuro”, ma si accorgerà ben presto che quando è Dio che combina un incontro, quando è Dio che chiama, il risultato può essere straordinariamente efficace.

Giunto in casa di Cornelio e ricevendone il benvenuto così egli parla della salvezza della quale egli è messaggero incominciando a dire: «In verità io comprendo che Dio non ha riguardo alla qualità delle persone; ma che in qualunque nazione, chi lo teme ed opera giustamente, gli è accettevole.

E questa è la parola che egli ha diretta ai figlioli di Israele, annunziando pace per mezzo di Gesù Cristo. Esso è Signore di tutti. Voi sapete quello che è avvenuto…» (Atti 10:34-43).

Era stato Dio a combinare questo incontro, la Sua Parola di grazia è stata annunciata, e, attraverso di essa, in modo straordinariamente efficace, Cornelio e quelli di casa sua vedono la loro vita trasformarsi radicalmente ad opera dello Spirito Santo, giungono al ravvedimento ed alla fede e, chiedendo il battesimo, consacrano a Dio tutta la loro vita.

b. Lidia. Un altro esempio significativo è quello di una donna di nome Lidia. Il racconto del libro degli Atti così dice:«…e nel giorno di sabato andammo fuori dalla porta, presso al fiume, dove supponevamo essere un luogo d’orazione, e postici a sedere, parlavamo alle donne ch’erano quivi radunate. E una certa donna di nome Lidia, negoziante di porpora… che temeva Dio, ci stava ad ascoltare; e il Signore le aprì il cuore, per renderla attenta alle cose dette da Paolo. …e fu battezzata con quei di casa sua» (At. 16:13-15). Erano andati a predicare a molte donne che si trovavano là radunate: una sola aveva veramente ascoltato, compreso, ed accettato: Lidia, alla quale il Signore “le aveva aperto il cuore per renderla attenta…”.

c. Filippo e l’etiope. Sempre nel libro degli Atti ci viene raccontata la storia di Filippo e di un etiope da lui evangelizzato. Filippo stava evangelizzando in Samaria, là si che c’era movimento, molti venivano alla fede, come desiderare andar via da un posto del genere? Eppure il Signore ha altri progetti, manda Filippo …su una strada deserta chissà dove. Gli dice: «Lèvati e vattene dalla parte di mezzodì, sulla via che scende da Gerusalemme a Gaza. Ella è una via deserta. Ed egli, levatosi, vi andò» (At. 8:26,27). Che senso avrebbe una simile istruzione, ma Iddio sa che cosa sta facendo, e sa che su quella strada c’è un uomo in particolare che ha deciso di raggiungere. Filippo ci va, incontra quell’uomo, gli parla di Cristo, e questi giunge al ravvedimento ed alla fede, e chiede di essere battezzato. Non è stupefacente? Eppure Iddio aveva preparato ogni cosa.

Matteo. Nello squallido panorama umano, è Dio che prende l’iniziativa della grazia secondo i suoi insondabili e perfettamente giusti propositi. Pensate a come l’evangelista Matteo è giunto a diventare discepolo di Gesù. Il suo Evangelo dice: «Gesù, …passando, vide un uomo chiamato Matteo, che sedeva al banco della dogana; e gli disse: Seguimi. Ed egli, levatosi, lo seguì» (Mt. 9:9). Questo episodio ci dà preziosi insegnamenti:

(1) la vocazione è apparentemente casuale, ma Gesù conosce quell’uomo, Matteo. La Bibbia dice: «Non siete voi che avete scelto me, ma sono io che ho scelto voi, e vi ho costituiti perché andiate, e portiate frutto, e il vostro frutto sia permanente» (Gv. 15:16).

(2) La vocazione era impensabile e imprevedibile. Forse aveva sentito parlare di Gesù, ma Matteo era tutto occupato nel suo lavoro, e non aveva tempo da dedicare alla “religione”. Il suo unico “amore” erano i soldi e cercava di cavarne alla gente il più possibile, altro che abbandonare tutto per seguire un “sognatore”. La Bibbia però dice:«In questo è l’amore, non che noi abbiamo amati Iddio, ma che egli ha amato noi, e ha mandato il suo Figliolo per essere la propiziazione per i nostri peccati» (1 Gv. 4:10).

(3) La vocazione gli era stata rivolta dal Signore con piena consapevolezza di chi lui fosse: vedeva il male che c’era, ma vedeva altresì quello che avrebbe potuto diventare. La Scrittura dice: «…non prestate le vostre membra come strumenti di iniquità al peccato, ma presentate voi stessi a Dio, come di morti fatti viventi, e le vostre membra come strumenti di giustizia a Dio» (Ro. 6:13). Se solo le abilità di Matteo fossero state usate per il bene!

Così Gesù lo chiama, con poche ma chiare parole, e con un invito rivolto personalmente, come se si trattasse del comando indiscutibile di un re, e diventa una vocazione immediatamente efficace. Per noi è sorprendente, potremmo cercare di spiegarla in tanto modi. Certamente Matteo aveva già ascoltato Gesù e questo lo aveva lasciato indifferente. Gesù però lo chiama e rigenera la sua volontà affinché possa rispondere senza alcuna paura o scusa. La Bibbia dice: «…poiché Dio è quel che opera in voi il volere e l’operare, per la sua benevolenza» (Fl. 2:13).

Così Matteo segue Gesù, sia spiritualmente che letteralmente, con tutto sé stesso e senza abbandonarlo mai, anzi, la sua vocazione diventerà segno di speranza per altri che magari pensano di non dover mai essere presi in considerazione da Dio. Al contrario, dice la Bibbia: «Poiché gli è per grazia che voi siete stati salvati, mediante la fede, e ciò non vien da voi: è il dono di Dio… e faccia si che Cristo abiti per mezzo della fede nei vostri cuori» (Ef. 2:8; 3:17).

3. La dottrina formulata

Ecco così che la dottrina biblica e la dinamica dell’opera di salvezza prende forma davanti a noi: non è una dottrina facile e già prevedo le perplessità e le riserve che sempre sorgono nella mente a questo riguardo: è logico perché la nostra natura contaminata dal peccato si ribella alla logica ed alla gloria di Dio. Ma rimane vero quello che disse Gesù: «Nessuno può venire a me se non che il Padre, il quale mi ha mandato, lo attiri; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno» (Gv. 6:44).
E’ una dottrina che possiamo così riassumere: Possiamo arrivare a godere dei benefici risultanti dalla redenzione operata da Cristo quando lo Spirito Santo li applica alla nostra persona, e lo fa quando, chiamandoci efficacemente alla fede, ci unisce a Cristo. Quando, però, la vocazione che lo Spirito Santo ci rivolge può ritenersi efficace? Lo è quando giungiamo ad essere persuasi del nostro del nostro peccato e della nostra miseria, quando la nostra mente viene illuminata dalla conoscenza di Cristo e quando la nostra volontà viene rinnovata. Così persuadendoci Egli ci mette in grado di abbracciare Gesù Cristo e la grazia che l’Evangelo ci offre.

Un peccatore, morto nel peccato e nelle trasgressioni ode predicare l’Evangelo. Egli è invitato a venire a Cristo. Però egli non lo vuole, in lui c’è una fondamentale resistenza a questo annuncio. Può però avvenire che in questo egli senta una specifica chiamata di Dio rivolta alla sua persona. E’ lo Spirito Santo che opera in lui affinché la consideri seriamente e ne risponda favorevolmente. Egli sta rigenerando il suo “organo spirituale”. E allora subito comincia ad odiare il peccato e a desiderare Cristo, a ravvedersi e a credere. Così istantaneamente viene giustificato ed adottato da Dio in forza dell’opera che Cristo per lui ha compiuto. Da quel momento in poi, per il resto della sua “vita, egli si terrà stretto a Cristo e si impegnerà a vivere con Lui e per Lui. Finalmente, nel grande giorno, verrà fatto risorgere dai morti e reso simile a Cristo in anima ed in corpo. E l’unica cosa che vorrà dire per tutta l’eternità è che la lode appartiene a Dio solo, perché per la sua salvezza non dovrà nulla a sé stesso!

Conclusione

Ma, mi potreste dire: “Io non ho mai sentito nella mia vita questa chiamata personale, vuol dire che Dio mi ha respinto?”. Beh, se stai leggendo queste parole ora, vuol dire che Dio ti ha reso sensibile al suo Evangelo, e, in effetti ti sta chiamando! E ti sta chiamando non perché tu sia meglio di altri, ma perché Egli ama te e vuole darti la pienezza della vita che in Cristo è contenuta.

In ogni caso, però, vi sono due pericoli da evitare se vogliamo essere certi di essere stati chiamati in modo efficace: il primo è l’aspettarsi una forte emozione religiosa, o una crisi particolare. Si può però avere forti sensazioni di diversa natura senza per questo essere rigenerati. La chiamata efficace può essere subitanea, ma pure graduale. Non possiamo però essere tentati di scusarci per non accettare l’Evangelo perché ancora, a dir nostro, non siamo stati rigenerati. Dobbiamo attendere di “sentire qualcosa” prima di ravvederci e di credere? No, dobbiamo ravvederci e credere senza discussione o ritardo. Solo obbedendo all’invito dell’Evangelo potremo essere sicuri di essere stati rigenerati dallo Spirito Santo.

L’altro pericolo è cadere nel fatalismo e nell’immobilismo di chi dice “tanto è già tutto deciso”. E’ Dio stesso, però,Colui che ci comanda di operare nel mondo con speranza, compiendo sia opere sociali che evangelizzazione, nella consapevolezza però che il risultato potrà essere ottenuto solo quando nella preghiera invocheremo con tutto noi stessi il Signore di aprire il cuore e la mente di coloro che ostinatamente rifiutano il Signore.

Noi non conosciamo i piani di Dio per le persone e le situazioni che ci stanno a cuore. Forse però queste sono già oggetto dell’attenzione di Dio, ed egli opererà con efficacia quando noi stessi saremo impegnati nei fatti e con la preghiera di portarle alla salvezza.

In ogni caso non temiamo per chi amiamo: Dio fa ogni cosa bene, con amore e con giustizia e non spetta a noi sindacare il valore di ciò che Egli fa. Un giorno ci renderemo pienamente conto che aveva ragione Lui!

 

Rielaborato da: Consapevoli nella Parola 

 

“Or noi sappiamo che tutte le cose cooperano al bene per coloro che amano Dio, i quali sono chiamati secondo il suoproponimento.”

(Romani 8:28)
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...