Le prerogative dell’uomo o di Dio?

C’è qualcosa che fondamentalmente unisce ed affratella cattolicesimo, pentecostalismo, strati dell’evangelicalismo e il liberalismo (e/o neoliberalismo) teologico, per quanto diversi possano sembrare l’uno dall’altro.  C’è qualcosa che li accomuna e  li rende  alleati nella  loro strenua battaglia contro quello che chiamano “Calvinismo“. E’ l’elevata concezione che hanno dell’essere umano e delle sue “prerogative” …alle quali sia Dio che gli angeli si devono piegare!

L’essere umano: il magnifico, di fronte al quale Dio si piega!

Ad affratellarli si tratta del fatto che fondamentalmente, in maggiore o minor misura, essi credono che l’essere umano sia signore e padrone del proprio destino, libero, autonomo, capace di giudicare, valutare oggettivamente e di scegliere.

Credono che l’essere umano possa trattare più o meno alla pari con Dio, anzi, che Dio sia, in qualche misura, al nostro servizio.

Credono che l’essere umano abbia diritto, possa pretendere da Dio, il Suo intervento e benedizioni, che l’essere umano possa vantare dei meriti presso di Lui e riceverne la “dovuta retribuzione”.

Credono che Dio “non possa nulla” contro la libertà e le decisioni umane, decisioni e volontà che Egli sempre rispetterebbe, che Egli si debba piegare alle decisioni umane, che Egli possa essere frustrato nei Suoi propositi, limitato (o auto-limitante “in ossequio” alla libertà umana) nel Suo potere.

Credono che Dio offra la salvezza all’essere umano e che faccia di tutto per salvarlo ma che, di fronte al rifiuto di alcuni o di molti, Egli non possa che “allargare le braccia” deluso ed impotente. Credono che, al massimo, Dio possa “aiutare” o incoraggiare la scelta umana di accogliere il Salvatore Gesù Cristo, ma nulla di più, che Dio – bontà Sua – subentri  solo quando, per qualche motivo, uno “non ce la fa” da solo ad arrivare alla salvezza…

Quanto è grande, Dio drebbe, la dignità, la libertà, la nobiltà dell’essere umano! Non era forse Dio ammirato, estasiato,  quasi intimidito, dalla bellezza e grandezza dell’essere umano, dopo averlo creato?  Un tale “miracolo di perfezione” non può certo essere più toccato da Dio anche quando cade nel peccato e …purtroppo  “si caccia nei guai!  Allora Dio, nel  Suo “amore” fa di tutto per ricuperarlo, per ristabilirlo, è disposto (visto che l’essere umano è così “grande”, nobile ed importante) fino a far morire in croce Suo Figlio. “Se Dio è stato disposto a tanto”, dicono, “l’essere umano proprio dev’essere gran cosa”! [riproduco qui certi ragionamenti che comunemente si sentono].

Dio è pronto, così, sempre a “perdonarlo” e gli dona “la possibilità” della riabilitazione. Qui “i nostri” si distinguono, i primi propongono una via di salvezza per la quale l’essere umano deve “arrancare”, operando e meritando, salvo ricevere aiuti e raccomandazioni…  I secondi credono che la via della salvezza sia molto facile, “basta dire di sì a Cristo”, dire una preghierina di accettazione. “Accettalo come Salvatore”, …poi “eventualmente”, diventerà tuo Signore!. I terzi, invece, che più di tutti credono alla dignità, autonomia e libertà umana, invece, sono molto più generosi… Dio, “nel suo amore” salva tutti indistintamente, la Sua grazia è universale. “Se proprio” uno si ostina a respingerla, va beh, in quel caso ne resterà fuori, ma …alla fine salverà anche lui! Tutti insieme appassionatamente!

Se c’è un inferno è sicuramente vuoto”, dicono, Dio è “amore, Dio “rispetta troppo” l’essere umano per mandare qualcuno all’inferno. Sarebbe troppo “umiliante” per il magnifico essere umano, il finirci! In realtà è solo uno spauracchio, uno spaventapasseri, che si può anche ignorare.

Il “Calvinismo” nemico numero uno dell’essere umano!

Come osano, dunque, questi “calvinisti” parlare della sovranità, maestà e signoria di Dio? Come osano parlare di peccato e dell’ira di Dio, della depravazione totale dell’essere umano. “Che visione lugubre, insana, morbosa ed umiliante dell’eccellenza umana!” Come osano parlare di giudizio e di condanna? E’ l’uomo che giudica Dio, non viceversa! Come osano parlare di predestinazione? Solo alcuni salvati? Gli altri dove li mettiamo? Sono forse cacca? Come osano dire che Dio sia l’unico attore, l’unico a scegliere e determinare, l’unico a fare? Siamo forse dei burattini?

Come osano parlare di “sola scrittura”, quando possiamo avvalerci di altre eminenti espressioni del pensiero umano, persino più interessanti e meglio organizzate?

Come osano parlare di “solo Cristo” quando cosi tanto possiamo fare noi stessi o altre figure religiose umane? Come osano parlare di “sola fede” quando “ben dobbiamo operare noi stessi”? Come osano parlare di “sola grazia”? Sarebbe insultante per i “meriti umani”? Come osano parlare di “solo a Dio la gloria”? E la gloria dell’uomo e della donna, dove la mettiamo?

Il “Calvinismo“, così, diventa “un intollerabile attentato alla grandezza e alla dignità umana!”, il “nemico dell’umanità” per eccellenza! A che cosa potrebbe portare se non …a “bruciare Serveto”? Questo è ciò che ripetutamente si sente oggi in giro.

Soltanto umanismo!

Tutto questo è, però, solo il trionfo dell”Umanismo religioso, spacciato per cristianesimo biblico! E’ antropocentrismo in maggiore o in minore grado, è una Bibbia riveduta e corretta (se la Bibbia ancora può avere importanza, e certamente non ce l’ha nel Liberalismo teologico, dove essa viene criticata e sottoposta ai giudizi dell’illuminata “erudizione” umana).

Ignoranti della storia del cristianesimo, tutto quanto abbiamo descritto non è altro che arminianesimo e pelagianesimo, ben note eresie che oggi sono spacciate per “ortodossia”. Conoscere la storia non è importante, dicono, e certamente  “conviene” che i credenti rimangano ignoranti e “bevano” tutto ciò che loro vogliono dar loro da bere!

Giustamente oggi si dice che stiamo vivendo il periodo della “cattività arminiano-pelagiana” della chiesa, per la quale “i Calvinisti” sono considerati radicali eretici e gli Arminiani/Pelagiani come ortodossi.

Hanno buon gioco, quindi, coloro che appiccicano l’etichetta (per loro deteriore) di “Calvinismo” a coloro che, di fatto, sostengono l’autentica visione biblica teocentrica della realtà e, opponendosi all’ideologia dominante, che ben conviene all’orgoglio della carne umana, vorrebbe così piegare ed addomesticare il cristianesimo. Meglio sarebbe nessuna religione (o meglio la religione antropocentrica), ma “se proprio” vi piace la religione, ecco, vi forniamo noi una religione che non attenti alla “dignità” umana, dove sia Dio a piegarsi alle prerogative umane, quella “corretta” dall’Arminianesimo!

Scrolliamoci di dosso il giogo umanista!

Se ci interessa la verità (ma anche questo concetto oggi non è più di moda…) prendiamo coscienza, allora, di tutto questo e scrolliamoci di dosso il giogo del Pelagianesimo. Combattiamo per la fede una volta per sempre trasmessa ai santi, parliamo ed affermiamo dei diritti e delle prerogative di Dio!

Se questo è Calvinismo, com’è vero che il Calvinismo sostiene le prerogative di Dio e considera l’essere umano per quello che biblicamente è rivelato d’essere, allora siamo fieri di essere chiamati “Calvinisti”, almeno Calvino onorava Dio e tutti quelli che abbiamo ora descritto lo disonorano, si prendono gioco di Lui, o comunque dipingono un immagine di Dio a proprio uso e consumo. Il loro non è il Dio di Abraamo, Isacco e Giacobbe e dei profeti, il Dio di Gesù Cristo, il Dio di Paolo, Pietro, Giovanni e gli altri Suoi apostoli. Il loro è un falso dio, un idolo.Noi che intendiamo rimanere fedele alla concezione biblica di Dio e dell’essere umano abbiamo la prerogativa (questa sì) di dire la verità. Molti hanno paura della parola “Calvinista”, essa, però, semplicemente afferma l’Evangelo in modo sintetico e immediatamente comprensibile. I cinque “sola” del Protestantesimo storico ed i cinque punti della soteriologia calvinista possono essere contati con le nostre mani e le nostre dita, così da non dimenticarceli. E’ importante che i cinque più cinque punti siano compresi e creduti. Se se ne abbandona uno, tutti gli altri ne rimangono commpromessi.

“…ed io oso arrivare a dire come Martin Lutero, in una delle sue forti affermazioni: ‘Attribuire la salvezza, anche solo in minima parte, alla libera volontà umana, significa non sapere nulla della grazia e non avere imparato nulla rettamente su Gesù Cristo’. Può sembrare un’affermazione molto dura ed ingiusta, ma chi crede nel suo cuore che l’uomo possa, nella sua propria libera volontà, volgersi verso Dio, non può essere stato istruito da Dio, perché questo è uno dei principi di base che noi apprendiamo fin dal principio in cui Dio ha a che fare con noi personalmente, cioè che noi non abbiamo né volontà, né capacità, ma che è Lui a darcele entrambe. Egli è l’alfa e l’omega della salvezza umana” (dal sermone “Il libero arbitrio, una schiavitù ” 1855, vedasi pure il classico di Martin Lutero sul “Servo Arbitrio”).

“La dottrina della giustificazione stessa, come predicata da un Arminiano, non è altro che la dottrina della salvezza per opere…”.

“La vecchia verità predicata da Calvino, predicata da Agostino, predicata da Paolo, è pure la verità che io debbo predicare oggi, altrimenti non sarei onesto con la mia coscienza e con Dio. Non ho alcun diritto a plasmare la verità a mio piacimento. Non posso e non voglio limare i lati taglienti di una dottrina. L’Evangelo di John Knox è il mio Evangelo. L’Evangelo che tuonava un tempo in Scozia deve risuonare pure oggi ancora in Inghilterra”.

Un uomo non viene salvato contro la sua volontà, ma è reso volenteroso dall’opera dello Spirito Santo. Una potente grazia alla quale egli non vuole resistere, entra nell’uomo, lo disarma, fa di lui una nuova creatura, ed egli viene salvato” (Sermoni, Vol. 10, p.309).

di Paolo Castellina
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...